Home » A Trento la tre giorni della Green Week: un weekend all’insegna della sostenibilità Io non spreco!

A Trento la tre giorni della Green Week: un weekend all’insegna della sostenibilità

Io non spreco!

Da venerdì 4 a domenica 6 marzo, Trento sarà la sede della parte finale della Green Week, con una tre giorni con oltre 20 incontri e 50 relatori Tra gli ospiti, Alessandro Profumo e Mario Brunello, ma anche studiosi internazionali come Jan Lundqvist, il più importante studioso mondiale sul tema della gestione delle risorse idriche

Trento, 5 febbraio 2016Università di Trento, Fondazione Edmund Mach, MUSE-Museo delle Scienze, Trentino Sviluppo-Progetto Manifattura quest’anno hanno deciso di unire le forze per essere protagoniste della parte finale della Green Week, manifestazione che vedrà la città di Trento protagonista dal 4 al 6 marzo di un intenso programma di incontri, talk, presentazioni di libri con ospiti di assoluto rilievo sia nazionale che internazionale. Le principali sedi universitarie, ma anche l’intero centro storico cittadino, saranno affollate da giovani provenienti da tutta Italia, da cittadini curiosi di comprendere tutte le opportunità offerte dalla green economy, da professionisti e studiosi interessati ad approfondire temi specifici legati alla sostenibilità. La manifestazione promossa da VeneziePost, giunta al quinto anno di vita, vedrà peraltro la collaborazione di prestigiose fondazioni nazionali ed enti internazionali, come Symbola-Fondazione per le Qualità Italiane, Fondazione Feltrinelli, Fondazione Mattei, Istituto Bruno Leoni, ICTP-International Centre for Theoretical Physics, che cureranno alcuni dei principali eventi coinvolgendo studiosi e ricercatori di primo livello.

IL TEMA  
“Io non spreco” indica l’impellente necessità di affrontare con maggiore impegno il grande tema dell’efficienza nell’utilizzo delle risorse – da quelle idriche a quelle alimentari, da quelle energetiche a quelle produttive – in quello che diventa sempre più un impegno delle istituzioni, delle imprese e dei singoli cittadini. Nuovi modi di produrre, quindi, ma anche nuovi modelli di consumo, sempre più attenti alle conseguenze locali e globali di ogni singolo gesto e comportamento.   

I PROTAGONISTI
Numerosi i personaggi di rilievo che hanno già confermato la presenza alla manifestazione, a partire da Jan Lundqvist, senior scientific advisor SIWI-Stockholm International Water Institute e tra i massimi esperti mondiali di gestione delle risorse idriche, Alessandro Profumo, attualmente presidente di Equita SIM, che interverrà sui temi delle ricadute economico-finanziarie dei conflitti geopolitici, il violoncellista Mario Brunello che sarà a Trento per presentare il suo libro Silenzio, Gianni Silvestrini, presidente GBC Italia, che presenterà la sua ultima opera -2 gradi. Innovazioni radicali per vincere la sfida del clima e trasformare l’economia, il sociologo Aldo Bonomi, il designer Aldo Cibic, curatore della mostra Guardando avanti. L’evoluzione dell’arte del fare alla 56° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia; e ancora, imprenditori come Daniele Lago (Lago), Fabio Brescacin (EcorNaturaSì), Roberto Siagri (Eurotech). Tra i numerosi ospiti anche la giornalista Eliana Liotta, curatrice del blog Il bene che mi voglio su Io donna, che presenterà il suo ultimo libro La dieta Smartfood (in uscita il 25 febbraio per Rizzoli), realizzato con la consulenza scientifica dello IEO-Istituto Europeo di Oncologia di Milano.

L’ECCELLENZA DEL TRENTINO
Saranno le realtà trentine che si occupano di sostenibilità a essere le vere protagoniste della Green Week; in prima linea i docenti dell’Università di Trento sui temi della gestione idraulica e del territorio, la Fondazione Edmund Mach con Andrea Segré sui temi dello spreco e dell’innovazione in ambito agricolo, ambientale e alimentare, Trentino Sviluppo-Progetto Manifattura con le numerose iniziative che vanno dai temi dell’edilizia sostenibile con Habitech e GBC-Green Building Council, ai temi della mobilità sostenibile e della smart city, del futuro delle rinnovabili,  della finanza green. Il MUSE sarà invece protagonista della giornata di chiusura non solo con appuntamenti sul tema del turismo sostenibile, ma anche ospitando tutti gli eventi in programma domenica 6 marzo. La Green Week vedrà inoltre la collaborazione sia di enti istituzionali come il Comune di Trento che di aziende come Informatica Trentina.

LE DICHIARAZIONI DEI PARTNER
Il rettore dell’Università di Trento, Paolo Collini, ha espresso soddisfazione per l’estensione dell’iniziativa al Trentino: «Il nostro territorio ha fatto della sostenibilità ambientale uno degli elementi cardine del proprio successo. Preservare la qualità della vita e dell’ambiente è un impegno che tutti noi qui in Trentino ci siamo presi. Il nostro Ateneo, ad esempio, ha aderito alla rete nazionale delle università green e ha avviato una serie di iniziative per la mobilità ecocompatibile nell’ambito di un piano per la sostenibilità più strutturato, che sarà presentato a breve». «Alla Green Week – ha aggiunto Collini – partecipiamo con convinzione. Perché per sua natura l’Università è abituata a immaginare il futuro. A identificare i problemi, conoscerne il contesto, elaborare soluzioni tecnologiche e organizzative innovative che portino beneficio alla comunità. E la sostenibilità ambientale è senz’altro una delle grandi scommesse con cui il nostro mondo, abituato alle logiche del consumo e spesso dello spreco, deve confrontarsi. Fedele alla sua vocazione, l’Università sarà presente in questo evento culturale per portare stimoli e critiche costruttive per alimentare il confronto, con l’obiettivo di rendere più sostenibile il domani di tutti noi: individui, comunità e ambiente».  «Siamo molto felici di concludere la Green Week con questa tre giorni di incontri e confronti proprio a Trento – sottolinea Filiberto Zovico, editore di VeneziePost – Negli scorsi anni era diventata per noi tradizione concluderla proprio con un appuntamento al MUSE, perché il Trentino risulta nell’immaginario nazionale (e anche nella realtà) il luogo simbolo dove la sostenibilità non è solo slogan o concetto astratto, ma pratica quotidiana, oggetto di sperimentazione, ricerca  e studio. Il mondo imprenditoriale, a cui la nostra testata è molto attenta e che partecipa così attivamente alle nostre numerose iniziative, ha bisogno di trovare in Trentino un luogo dove approcciare realtà d’avanguardia come quelle che qui si sono sapute con lungimiranza costruire».  «L’impegno “green” della Fondazione Mach è massimo, ed è volto a consentire il raggiungimento e il mantenimento di una produzione agricola di eccellenza e sostenibile – commenta Agostino Cavazza, ricercatore Fondazione Edmund Mach –  L’acquisizione di dati satellitari e la modellazione dei dati climatici, la fisiologia e la genetica delle piante, lo studio della comunicazione fra insetti e la diffusione di nuove malattie, le nuove conoscenze sull’importanza del mondo microbico per il benessere delle piante e dell’uomo, l’uso di scarti e sottoprodotti per la produzione di energia: tutte queste competenze trovano in FEM un’interconnessione finalizzata allo sfruttamento sostenibile delle risorse agricole e boschive».  «La dimensione degli eventi culturali, di questo dedicato alla sostenibilità o di altri, è quella di una concentrazione nel tempo di pensieri e riflessioni che costituiscono un momento di rigenerazione dell’attenzione sul tema da parte degli enti proponenti e dei cittadini che partecipano – sottolinea Michele Lanzinger, direttore MUSE-Museo delle Scienze di Trento – Green Week, nel suo riproporsi annuale è un grande attivatore, ai diversi livelli, di nuove conoscenze, di consapevolezza e di senso di urgenza di muovere la nostra società nella direzione di un quadro generale di maggiore sostenibilità. Il “non spreco”, ovvero la riflessione sull’uso intelligente e parsimonioso delle risorse, è quanto mai coerente con un impegno che si rivolge appunto al quadro teorico e alla applicabilità del più generale tema della sostenibilità».   «Parlare di sostenibilità, di riuso, di recupero e valorizzazione delle risorse naturali – sottolinea Giovanna Flor, consigliere delegato di Trentino Sviluppo – significa anche dare a questi valori una dimensione economica, visto che la green economy attraversa tutti i settori dell’economia. Per questo la Provincia autonoma di Trento e Trentino Sviluppo hanno promosso nel 2006 la nascita di Habitech, il primo distretto italiano per l’energia e l’ambiente, di GBC Italia che ha sede a Rovereto e nel 2009 hanno dato vita a Progetto Manifattura, primo incubatore certificato per le cleantech in Italia, trasformando la storica Manifattura Tabacchi di Rovereto in una moderna Green Innovation Factory. In questi spazi oggi operano 46 aziende con circa 200 addetti, realtà che si candidano a diventare un centro di innovazione industriale nei settori dell’edilizia ecosostenibile, delle energie rinnovabili e delle tecnologie per l’ambiente. Mettere questo patrimonio a disposizione della Green Week significa aprire ulteriormente gli orizzonti a vantaggio nostro e delle nostre imprese».

COME PARTICIPARE
Il programma completo della Green Week sarà disponibile online sul sito www.veneziegreen.it a partire da lunedì 15 febbraio. Tutti gli eventi della Green Week sono ad ingresso libero: per avere garanzia di posto a sedere in sala, è consigliata la registrazione online sul sito seguendo le indicazioni in calce a ciascun evento.   

LA GREEN WEEK IN RETE
Punto di riferimento per aggiornamenti in progress sulla Green Week è il sito internet www.veneziegreen.it. E’ già molto attiva la comunità di Facebook (alla pagina ufficiale https://www.facebook.com/greenweekvenezie/) e di Twitter, disponibile al profilo @VenezieGreen; hashtag ufficiali della manifestazione #greenweek16 #greenweek.  

CREDITS | IO NON SPRECO
La Green Week | Io non spreco è un progetto promosso da VeneziePost, Università degli Studi di Trento, Fondazione Edmund Mach, MUSE–Museo delle Scienze, Trentino Sviluppo-Progetto Manifattura Partner: eAmbiente, Informatica Trentina
Content partners: Fondazione Feltrinelli, Fondazione Mattei, ICTP–International Centre for Theoretical Physics, Symbola-Fondazione per le Qualità Italiane
Media Partner: SetteGreen, Corriere del Veneto, Corriere del Trentino, La Nuova Ecologia
Editorial Partner: Egea
Organizzazione: Goodnet Territori in Rete  

INFORMAZIONI E ACCREDITI
Green Week – Ufficio Stampa nazionale e internazionale VeneziePost / Post Editori
press@veneziepost.it
Tel. 0498757589 int. 13 | Cell. 3932450702

Nella foto: Paolo COLLINI, rettore Università degli Studi di Trento – Filiberto ZOVICO, editore VeneziePost – Marika FERRARI, assessore all’Ambiente, Comune di Trento – Agostino CAVAZZA, ricercatore Fondazione Edmund Mach
Foto Roberto Bernardinatti