Home » Trento per tre giorni capitale della green economy Forum sulla sostenibilità e tanti ospiti internazionali

Trento per tre giorni capitale della green economy Forum sulla sostenibilità e tanti ospiti internazionali

Corriere del Trentino, 26 febbraio 2017

Vivere sostenibile, che significa nutrirsi limitando gli sprechi alimentari ed energetici, costruire con materiali e tecniche nel rispetto delle risorse e puntare al risparmio energetico. Sono questi i temi centrali della tre giorni che, da venerdì 3 a domenica 5 marzo, trasformerà Trento nella capitale della Green Week. La manifestazione torna dopo il successo dello scorso anno del Festival della Green Economy ed è promossa da VeneziePost, Università di Trento, Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Edmund Mach, Muse e Trentino Sviluppo con il patrocinio di Comune di Trento e Provincia Autonoma di Trento.

Per tre giorni la città ospiterà un grande forum sui temi della sostenibilità, con dibattiti e confronti animati da ospiti d’eccezione. L’apertura di venerdì 3 marzo, è affidata a un evento realizzato in collaborazione con la Commissione Europea e l’intervento di Fabrizio Spada, direttore Rappresentanza Regionale a Milano, che si snoderà attraverso un dialogo tra il giornalista del Corriere della Sera Stefano Bucci e l’architetto Mario Cucinella, con collegamento video di Karmenu Vella, commissario europeo all’Ambiente. Nello stesso giorno, spazio anche a importanti convegni che declinano il tema sostenibilità in vari ambiti: dall’agricoltura che si adatta al cambiamento climatico, ai combustibili alternativi nella mobilità futura, alla «Comunicazione e sostenibilità» argomento del quale si discuterà con Rossella Sobrero di Koinètica. In un dialogo tra Andrea Segrè e il direttore de L’Adige Pierangelo Giovanetti si parlerà invece di «Mangia come sei». Nella stessa giornata, alle 18, ci sarà l’assegnazione ai vincitori del Premio Radical Green 2017.

La conclusione della prima giornata è affidata a Raffaella Calandra giornalista di Radio 24 che dialogherà con Francesco Maino, celebrato autore di «Cartongesso» e di «Ra-ta-tu-ja». La seconda giornata di eventi, si preannuncia particolarmente ricca e sarà aperta dal convegno «Bikeconomy: una strategia per lo sviluppo dell’economia e del territorio a due ruote» con l’intervento del primo ospite internazionale, il californiano John Urdi, direttore di Mammoth Lake Tourism, che racconterà come è possibile trasformare una località sciistica in luogo di culto grazie al downhill. Dibattito aperto anche su edilizia sostenibile e innovazione architettonica con il caso dell’ospedale antisismico di Mezzolombardo. Sabato sarà la giornata dei grandi ospiti, come Davide Tabarelli, fondatore e presidente di Nomisma Energia; Ermete Realacci presidente della Commissione Ambiente della Camera e il sociologo Aldo Bonomi discuteranno sul tema «Green Economy, Green Society» insieme al direttore del Corriere del Trentino Enrico Franco. «Smartfood e benessere nei luoghi di lavoro» è il tema dell’incontro organizzato con lo Ieo, che vedrà impegnati la giornalista Eliana Liotta, autrice del best seller La Dieta Smartfood (Rizzoli) e Francesco Guidara di The Boston Consulting Group. Nel pomeriggio di sabato, inoltre, Rama Gheerawo, direttore dell’Helen Hamlyn Centre for Design del Royal College of Arts di Londra, terrà una lectio magistralis sul tema «Il futuro del design? Inclusivo e sostenibile». La giornata sarà chiusa da Federico Rampini e dal direttore di Alto Adige e Trentino Alberto Faustini che dialogheranno sul tema «Da Trump alla Cina. Cosa cambia per l’ambiente». Per la sua ultima giornata, la Green Week si trasferirà al Muse-Museo delle Scienze che per l’occasione sarà aperto gratuitamente. A chiudere il Festival saranno gli architetti svedesi Oskar Norelius e Robert Schmitz, firme prestigiose del progetto del Skellefteå Kulturhaus, il più alto grattacielo in legno del Nord Europa, ed Edoardo Boncinelli, celebre genetista e divulgatore scientifico che parlerà de «La vita e i suoi misteri: dalla genetica alla salvaguardia dell’ambiente».