Architettura: Cibic, Bertorelli, C+S e Micelli tra rigenerazione e i nuovi materiali dell’edilizia sostenibile

Edifici intelligenti, materiali green, rigenerazione del territorio: questi e molti altri argomenti verranno trattati tra venerdì 28 e sabato 29 febbraio, nella sezione tematica di convegni dedicata all’architettura e alle costruzioni, che vedrà come protagonisti dei sette incontri in programma a Trento architetti internazionali ma anche imprenditori impegnati nella realizzazione di progetti architettonici sostenibili.

Si comincerà il venerdì pomeriggio con un convegno dedicato alla “Sfida del cemento sostenibile”. Tale formula sembra un paradosso, ma non lo è: la ricerca è attiva nel trovare nuove vie sempre più green per il cemento, grazie a calcestruzzi a elevata resistenza o a minore impatto sull’ambiente. A confrontarsi sul futuro di questo materiale saranno Carlo Cappai, architetto dello studio C+S Architects di Treviso, che affronta i temi della rigenerazione urbana e dello sviluppo dei territori, delle città e degli edifici, con attenzione particolare alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica degli interventi, Michele Condini, architetto e socio di Trentino Progetti, e Anna Borroni, senior manager Innovative Architectural Solutions di Italcementi – Heidelberg cement Group. A condurre l’incontro sarà Diana Cavalcoli, giornalista della Nuvola del Lavoro del Corriere della Sera.

“Demolire per valorizzare. Una sfida per il patrimonio pubblico in disuso” sarà invece il tema che sarà discusso nel secondo convegno di venerdì 28. Al centro del dibattito, gli interventi di Maria Alessandra Segantini, architetto dello studio C+S Architects, Simone Gheduzzi, amministratore delegato Diverserighestudio, e Gianluca Vigne, ingegnere di Areatecnica, gruppo che opera in tutta Italia nei campi della progettazione e consulenza di costruzioni e infrastrutture, dell’energia da fonti rinnovabili e degli impianti tecnologici. A condurre l’evento, Marika Giovannini, giornalista del Corriere del Trentino.

Seguirà un confronto dedicato agli “Edifici intelligenti”, che vedrà gli interventi di imprenditori impegnati nella gestione di progetti architettonici sostenibili, tra cui Maurizio Bernardi, amministratore delegato di BSH Elettrodomestici, Alessio Gattone, responsabile Marketing Tecnico Aermec, e Giuseppe Giordano, ceo e co-founder di Enerbrain, società nata a Torino nel 2015 da un team di giovani imprenditori, ricercatori, esperti in tecnologia e designer con l’obiettivo di cambiare radicalmente il modo in cui gli edifici usano l’energia. Condurrà l’evento Diana Cavalcoli, giornalista di Nuvola del Lavoro del Corriere della Sera.

Il ciclo di convegni proseguirà sabato 29 febbraio, partendo dall’evento dal titolo “Patrimonio costruito e innovazione digitale: esperienze per il territorio trentino”, che farà il punto dei progetti più suggestivi dell’edilizia della Provincia autonoma. L’incontro, a cura dell’Università degli Studi di Trento, vedrà l’introduzione e la conduzione di Paolo Baggio, docente di Tecnologia del controllo ambientale all’Università di Trento, con gli interventi di Francesco Gasperi, direttore generale del consorzio trentino Habitech, che offre servizi di consulenza per generare valore nel mercato dell’edilizia, Claudio Lucchin, dello studio Claudio Lucchin & Architetti Associati di Bolzano, e Chiara Rizzarda, tutor e project coordinator.

“Design e architettura: l’evoluzione dei materiali in prospettiva green” sarà poi il titolo del convegno curato dall’Università degli Studi di Trento che vedrà confrontarsi esperti di materiali innovativi e attenti all’ambiente, come Paolo Cesana, direttore marketing di Refin Ceramiche – Gruppo Concorde, Emilio Genovesi, amministratore delegato di MaterialConnexion, Mario Varesco, direttore creativo di MFOR, società di Bolzano che si occupa di strategic design e design di prodotto, e Stefano Rossi, docente di Product Design dell’Università di Trento. A condurre l’evento sarà Daniele Benfanti, giornalista professionista.

Seguirà un incontro dedicato al “Transito da pianificazione a rigenerazione”, che vedrà come protagonisti Claudio Bertorelli, paesaggista urbano, fondatore di Aspro Studio ed esperto di processi di rigenerazione urbana e sociale, Florinda Saieva, direttore generale di Farm Cultural Park, ed Ezio Micelli, docente di Estimo allo IUAV. A condurre l’evento sarà Marco Fratoddi, direttore Sapereambiente.

Il ciclo di convegni sul tema dell’architettura e delle costruzioni si concluderà con una riflessione sulla “Architettura sociale: non solo sostenibilità”. Un concetto relativamente nuovo, che si fonda sulla realizzazione di spazi adeguati e declinati sui bisogni delle persone con lo scopo di renderli più vivibili. A confrontarsi sul tema saranno ospiti di primo piano, come Aldo Cibic, fondatore di Cibicworkshop e docente di Design & Innovation alla Tongji University Shanghai, nonché curatore del Padiglione Venezia alla Biennale d’Arte del 2015, Danilo Gerotto, direttore di Sviluppo del Territorio e Città Sostenibile della Città di Venezia, e Daniela Cavallo, architetto e docente di Marketing Territoriale all’Università di Verona. Condurrà l’incontro Edoardo Vigna, caporedattore di 7 del Corriere della Sera.

Per registrarti agli eventi, clicca qui