Auto elettrica, confronto acceso fra Visentin (Federmeccanica) e Realacci (fondazione Symbola). Annalisa Sassi (Confindustria e-r): “Cogliere la sfida del cambiamento”

Il Festival della Green Economy si conclude con un dibattito acceso tra Ermete Realacci, presidente fondazione Symbola, e Federico Visentin, presidente Federmeccanica. Annalisa Sassi, alla sua prima uscita da presidente di Confindustria Emilia Romagna: “Auto elettrica, la sfida è quella del cambiamento”

 Auto elettrica, Visentin: “Prima del 2035 ci saranno ripensamenti”. Realacci: “Invece bisogna cogliere la sfida”

Confronto acceso fra Federico Visentin, presidente di Federmeccanica e di Ermete Realacci, presidente della fondazione Symbola, al Festival della Green Economy in corso a Parma, in merito alla scelta dell’Ue di spingere sull’elettrico. Visentin: “Lasciamo il settore libero di trovare alternative. Si arriverà a un giorno, prima del 2035, in cui si cambierà idea e si avranno ripensamenti. Ad oggi con l’elettrico non avremmo benefici. Secca la risposta di Realacci: “Il rischio che vedo è che l’Italia faccia “l’Italietta” e non accetti questa sfida. Non bisogna partire così o arriveremo impreparati e ci faremo davvero soffocare dalla Germania”

Sassi, auto elettrica: “La sfida è quella del cambiamento”

“Credo che la vera sfida di oggi sia quella di accettare il cambiamento. Ciò su cui dobbiamo lavorare è: non fermarsi e cogliere le opportunità. Iniziamo delineando la nostra “to do list”, capendo i punti fermi della questione e misurando bene gli impatti, oltre alle future sfide tecnologiche”. A dirlo è Annalisa Sassi, alla prima uscita pubblica in qualità di presidente di Confindustria Emilia-Romagna, in occasione del Festival della Green Economy in corso a Parma

Sassi: “La sfida è sull’alta formazione. Nei momenti di cambiamento è ciò su cui bisogna puntare”

“Ciò su cui bisogna lavorare è la flessibilità di ripensare ai modelli, e poi l’importanza della formazione. Una formazione alta e moderna che metta al centro i nostri giovani”. A dirlo è Annalisa Sassi, alla prima uscita pubblica in qualità di presidente di Confindustria Emilia-Romagna, in occasione del Festival della Green Economy in corso a Parma

Sassi: “La transizione deve essere ordinata, non lasciamo indietro nessuno”

“Ricordiamoci che parliamo di una transizione che deve essere ordinata, non lasciamo indietro nessuno”. A dirlo è Annalisa Sassi, alla prima uscita pubblica in qualità di presidente di Confindustria Emilia-Romagna, in occasione del Festival della Green Economy in corso a Parma

L’incontro completo è disponibile al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=h2et4GetJMo&list=PL9e0mltnye-kiyNFcSyLKpYvvmeZZxXfA&index=40