venerdì 10 Giugno 2022 / ore 16:30 - 17:45
— Le Village by CA
Strada Giordano Cavestro, 3, Parma, PR, Italia
NATURALE È SINONIMO DI QUALITÀ? E COSA CAMBIA DOPO LA LEGGE SUL BIOLOGICO?
Sezione food
Intervengono
Luca Bonvicin, project specialist Consorzio Melinda
Giorgio Cappellari, consigliere delegato Fomet
Giovanni Giusto, amministratore delegato Lifeanalytics
Elena Masia, sustainability specialist Nexteco
Conduce
Katia Favaretto, collaboratrice EmiliaPost
L’agricoltura biologica è la strada maestra o un mito che rischia di distorcere la corretta visione che è necessaria per salvaguardare produzione, sicurezza e salute? Quale è il corretto equilibrio tra un ritorno alla genuinità delle produzioni agricole e le esigenze di sicurezza alimentare? È immaginabile che una esigua fetta di popolazione, spesso la più ricca, possa accedere a prodotti “biologici” mentre la restante parte del mondo si deve nutrire di prodotti geneticamente modificati. Ma prima ancora di tutto questo cosa significa “biologico” e perché più che una reale soluzione questa parola può rischiare di oscurare una realtà assai più complessa?