TORNA LA GREEN WEEK: PREMI NOBEL, OSPITI INTERNAZIONALI E 50 FABBRICHE DELLA SOSTENIBILITÀ
Dal 10 al 12 giugno a Parma il festival della Green Economy: 300 relatori, 60 eventi, 50 imprenditori e 5 sezioni tematiche. Il festival sarà anticipato da tre giornate alla scoperta delle Fabbriche della Sostenibilità in 8 regioni italiane. In apertura il lancio del Manifesto delle 1.000 imprese green

Come possono le aziende proseguire in un percorso fortemente orientato alla sostenibilità se sono ostacolate da una difficile situazione internazionale come quella che stiamo attraversando? Come possono, pressate da una domanda di “sostenibilità” proveniente dai consumatori, conciliare gli inevitabili costi aggiuntivi con un rialzo dei prezzi delle materie prime che rischia di mandarle fuori mercato? Come affrontare la difficile transizione alla mobilità elettrica per interi settori della manifattura italiana da sempre legati ai tradizionali motori endotermici? Come impatterà il PNRR nel percorso di transizione ecologica e come dare forza al percorso di sviluppo di energie rinnovabili in un contesto segnato da una forte crisi energetica?

Sono questi alcuni degli interrogativi che faranno da sfondo all’XI edizione del Festival della Green Economy, promosso da ItalyPost con Fondazione Symbola, con il presidente del Comitato Scientifico Ermete Realacci, e il Corriere della Sera, che tornerà dal 10 al 12 giugno a Parma. Quello di quest’anno è un Festival che arriva a coinvolgere oltre 300 relatori, tra cui il Premio Nobel per la chimica 2021 David MacMillan, il glaciologo di fama internazionale, Peter Wadhams, Jeffrey Sachs, presidente SDSN & autore WHR, e Bruno Tabacci, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio. Star del Festival sarà l’autrice americana del libro Unraveled, che uscirà in occasione del Festival in edizione italiana con il titolo Il lato oscuro della moda, edito Post Editori, Maxine Bédat, teorica dell’insostenibilità del fast fashion e fautrice di modelli a basso impatto ambientale.

Quasi 300 gli ospiti e i relatori che animeranno la Green Week e il Festival della Green Economy di Parma. Si va da imprenditori come Luigi Lazzareschi, amministratore delegato Gruppo Sofidel, Paolo Zegna, presidente fondazione BIellezza, Giuseppe Pasini, presidente Feralpi Group, Federico Visentin, presidente Mevis, Federmeccanica e CUOA Business School, Diego Bolzonello,amministratore delegato S.C.A.R.P.A. e Marco Mantellassi, amministratore delegato Manteco. Ma anche Marco Mazzucchelli, presidente Secofind Sim, Sonia Sandei, Head of Electrification Enel Group, Gianni Vittorio Armani, amministratore delegato Iren, Alessandro Chiesi, chief commercial officer Chiesi farmaceutici e presidente Parma, io ci sto!, e Davide Bollati, presidente Davines Group.

Tanti i temi che verranno affrontati negli oltre 60 incontri e nelle 5 sezioni tematiche su Food, Logistica, Territori, Fashion e Imprese. Si va dal confronto sulle energie rinnovabili al tema degli aeroporti green, dalla finanza al dialogo sulla rigenerazione dei territori, passando appunto anche attraverso presentazioni di libri, un evento di anticipazione su Arte e Sostenibilità e cinque sezioni tematiche, composta ognuna di cinque convegni specialistici.

Nella sezione territori, curata da Elena Granata, interverranno tra gli altri l’assessore alla Montagna, aree interne, programmazione territoriale, pari opportunità Regione Emilia-Romagna, Barbara Lori, Florinda Saieva, direttore generale Farm Cultural Park, Corrado Beldì, vicepresidente Laterlite, Ezio Micelli, docente di Estimo IUAV, Emanuele Montibeller, direttore artistico Arte Sella, Fabio Renzi, segretario generale Fondazione Symbola e Luca Molinari, architetto e direttore scientifico M9 Museo del 900.

Nella sezione dedicata alla fashion, invece, Alessandro Della Valle, presidente Confindustria Cisambiente, Luca Renzi, amministratore delegato e fondatore iZ Precious, Luca Vignaga, amministratore delegato Marzotto Lab, Francesca Romana Rinaldi, direttrice Monitor for Circular Fashion del Sustainability Lab e Maria Cristina Squarcialupi, presidente Unoaerre Industries

Nella sezione imprese, interverrà l’assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione Regione Emilia-Romagna Vincenzo Colla, il sociologo Aldo Bonomi, Alessandro Chiesi, chief commercial officer Chiesi Farmaceutici, presidente Parma, io ci sto!, Carlo Piana, direttore generale CA FriulAdria, Paola Migliorini, deputy Head of Unit​ Direzione Generale Ambiente Commissione Europea, Franco Mosconi, docente di Economia Industriale Università di Parma e Gilda D’Incerti, fondatrice e amministratrice unica PQE Group.

Nella sezione “food” tra i protagonisti Giacomo Fanin, group business development manager e board member Cereal Docks, Massimo Perboni, agricultural director Mutti, Marco Zaninelli, direttore generale industriale Riso Scotti, Giorgio Cappellari, consigliere delegato Fomet e Elena Masia, sustainability specialist Nexteco.

Nella sezione dedicata invece alla logistica e alla mobilità sostenibile protagonisti tra gli altri Mauro Bonaretti, capo dipartimento per la mobilità sostenibile Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Emilio Bellingardi, managing director @BGY Airport, Marco Consalvo, amministratore delegato Trieste Airport, Andrea Maria Giordano, responsabile PMO, investimenti e territorio Aeroporti Di Roma e Monica Scarpa, amministratore delegato Gruppo SAVE, Andrea Condotta, public affairs & innovation manager Gruber Logistics e Antonella Scardino, segretario generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale Porti di Venezia e Chioggia.

E proprio per toccare con mano le complesse realtà produttive e comprendere i loro reali percorsi verso la sostenibilità, il Festival viene anche quest’anno anticipato, il 7, 8 e 9 giugno, da un tour nelle Fabbriche della Sostenibilità, cinquanta aziende da tutta Italia, selezionate da un comitato tecnico scientifico, che apriranno le porte delle proprie sedi ai visitatori per visite guidate, workshop, seminari o talk dedicati agli oltre mille dottorandi e laureandi provenienti dalle migliori università del Paese, oltre a professionisti ed esperti. E proprio dal mondo delle Fabbriche della Sostenibilità sarà lanciato da una cinquantina di queste il Manifesto delle 1.000 Imprese Green, una lettera di impegni concreti per la riduzione delle emissioni e per costruire modelli di sostenibilità sociale.

La Green Week e il Festival della Green Economy sono promossi da ItalyPost con Fondazione Symbola e il Corriere della Sera, con le sue tre testate Pianeta2030, L’Economia e Buone Notizie, con il supporto del Comune di Parma, dell’Università di Parma, dell’Unione Parmense degli Industriali e di Parma io ci sto!. Il festival si svolge anche in collaborazione con Commissione Europea, con il patrocinio di Regione Emilia-Romagna e Ministero della Cultura e con il sostegno di Crédit Agricole Italia, Davines, Lago in veste di main partner e della Gazzetta di Parma in qualità di media partner.

Programma completo e preiscrizione agli eventi su www.greenweekfestival.it

 

IL PROGRAMMA

Eventi di anticipazione

Anticipano gli eventi del Festival della Green Week due incontri. Il primo si terrà giovedì 9 giugno alle 18 al Davines Village. Interverranno Lara B. Aknin, docente di Psicologia & autrice WHR, Davide Bollati, presidente Davines Group, Nadia Paleari, global partnerships & events project officer SDSN Youth, e Jeffrey Sachs, presidente SDSN & autore WHR. Conduce Cristina Gabetti, giornalista e consulente per la sostenibilità.

Alle 21 nell’Auditorium dei Voltoni del Guazzatoio della Pilotta si discuterà di arte e sostenibilità con Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola, Simone Verde, direttore Complesso monumentale della Pilotta. Il panel sarà moderato da Manuela Rafaiani, giornalista, fondatrice e amministratore unico Strategic Partners.

I Grandi Eventi

Il Festival della Green Economy aprirà venerdì 10 giugno alle 10.30 all’Auditorium di Crédit Agricole Green Life. Dopo i saluti di Daniele Manca, vicedirettore Corriere della Sera e di Alessandra Pizzi, curatrice Green Week e amministratore delegato Post Eventi, Nicola Saldutti, caporedattore Economia Corriere della Sera, intervista Roberto Ghisellini, condirettore generale Crédit Agricole Italia, sulle sfide necessarie per la transizione ecologica. A seguire gli imprenditori green: Fulvia Bacchi, direttore generale UNIC Concerie Italiane, Davide Bollati, presidente Davines Group, Fabio Ceccarani, amministratore delegato Simonelli Group, Alberto Figna, presidente Agugiaro e Figna Molini, Marco Rossi, co-amministratore delegato Irsap. Nella seconda parte dell’incontro si parlerà di materie prime, inflazione ed energia con Gianni Vittorio Armani, amministratore delegato Iren, Luigi Lazzareschi, amministratore delegato Gruppo Sofidel, Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola e Bruno Tabacci, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio.

Conclude la serata del venerdì alle 21 al Paganini Congressi, l’incontro con il Premio Nobel per la Chimica 2021, David MacMillan, James S. McDonnell Distinguished University Professor of Chemistry Princeton University, che terrà una lectio sull’utilizzo dell’organocatalisi per raggiungere la sostenibilità. L’intervento si terrà in lingua inglese.

Ospite attesissimo è la bestsellerista americana Maxine Bédat, fondatrice New Standard Institute, autrice di Unraveled. Il lato oscuro della moda, edito Post Editori. Sabato alle 18.30 al Paganini Congressi, in occasione della presentazione de Il lato oscuro della moda, dialoga con Edoardo Vigna, responsabile Pianeta 2030 – Corriere della Sera. L’intervento si terrà in lingua inglese.

La serata del sabato sarà conclusa alle 21 al Paganini Congressi dall’intervento di Peter Wadhams,professore emerito di fisica oceanica e capo Polar Ocean Physics Group Università di Cambridge, su una problematica sempre più problematico a causa del cambiamento climatico: lo scioglimento dei ghiacci. Conduce Antonio Maconi, fondatore Goodnet Territori in Rete. L’intervento si terrà in lingua inglese.

Il Festival della Green Economy si concluderà domenica 12 giugno al Paganini Congressi con due incontri. Il primo verte sull’ESG, algoritmo che calcola le prestazioni ambientali, sociali e di governance delle imprese. Intervengono Francesca Benedetti, Climate Change and Sustainable Finance, Alice Bordini Staden, strategia ESG, Stewardship, Finanza e politica per il clima FRC e National Trust, Marco Mazzucchelli, presidente Secofind Sim, e Giancarlo Pavia, executive director global markets division e sustainable coordinator Italia CA CIB. Conduce l’evento Nicola Saldutti, caporedattore Economia Corriere della Sera.

A seguire, il dialogo tra Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola e Federico Visentin, presidente Mevis, Federmeccanica e CUOA Business School, sulle sfide e le criticità dell’auto elettrica. Marco Panara, giornalista La Repubblica Affari & Finanza, coordina il panel.

  • Eventi generali

 Sabato 11 giugno alle 15 presso il Complesso San Paolo, dialogheranno Ilaria Pertot, docente di Patologia vegetale Università di Trento, e Vittorio Venturi, coordinatore scientifico e responsabile Laboratorio Batteriologica ICGEB-International Centre for Genetic Engineering and Biotechnologies. Conduce l’evento Mattia Palazzo, collaboratore EmiliaPost

In contemporanea nella Sala dei Convegni di UPI, dopo l’introduzione del presidente Fondazione Symbola, Ermete Realacci, si parlerà delle rinnovabili insieme a Giuseppe Bergesio, amministratore delegato Iren Energia, Edoardo Garrone, presidente Gruppo ERG, Giuseppe Pasini, presidente Feralpi Group, Edo Ronchi, presidente Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, e Sonia Sandei,head of Electrification Enel Group. Conduce Paolo Possamai.

A Le Village by CA sempre alle 15 del sabato 11, Alessandro Chiesi, chief commercial officer Chiesi Farmaceutici, presidente Parma, io ci sto!, Irene Rizzoli, amministratore delegato Delicius e presidente Cisita Parma e Frantz Puccetti, responsabile area marketing Banca d’Impresa Crédit Agricole, si confronteranno sulle nuove competenze richieste per la transizione green. Coordina l’incontro Emanuele Bompan, giornalista, direttore Materia Rinnovabile

Al Complesso San Paolo alle 16.30 sono attesi Giulio De Carli, fondatore e managing partner One Works Piero Petrucco, vice presidente ANCE, e Gianluca Vigne, ingegnere, amministratore delegato Areatecnica, che parleranno delle sfide dell’edilizia sostenibile assieme a Nicola Saldutti, caporedattore Economia Corriere della Sera.

In occasione della presentazione del libro Tocca a Noi di Elena Comelli e Emilia Blanchetti, edito da Edizioni ambiente, nella Sala dei Convegni di UPI alle 16.30 si confronteranno Laura Bertacco, amministratore delegato Officine di Cartigliano, Davide Ceccarelli, amministratore delegato Technowrapp, Nicola Ciolini, presidente Revet, Elena Comelli, giornalista Corriere della Sera e co-autrice del libro, e Antonio Mortali, direttore Tecnico Consorzio Forestale KilometroVerdeParma, sulle tecnologie che rendono sostenibile il pianeta. Modera gli interventi Maria Gaia Fusilli, collaboratrice Corriere della Sera e EmiliaPost.

Alle 16.30 del sabato Elena Granata, docente di urbanistica Politecnico di Milano, in occasione della presentazione del suo nuovo libro Ecolove, edito da Edizioni ambiente, interverrà in merito alla questione dei nuovi ambientalisti assieme a Emanuele Bompan, giornalista, direttore Materia Rinnovabile, e Florinda Saieva, direttore generale Farm Cultural Park, con la conduzione Katia Favaretto, collaboratrice EmiliaPost.

  • Sezione Food

In occasione della presentazione di Agribusiness di Vitaliano Fiorillo e Marianna Lo Zoppo, edito da Egea, venerdì 10 giugno alle 15 a Le Village by CA, gli autori dialogheranno con Massimo Ambanelli, chief commercial officer e co-fondatore Hi-Food, e Sebastiano Porretta, responsabile area marketing e consumer science SSICA, docente Fondazione ITS Tech&Food, sul cibo del futuro. Mattia Palazzo, collaboratore EmiliaPost, conduce l’evento.

Gli incontri del venerdì continuano alle 16.30 a Le Village by CA con Giorgio Cappellari, consigliere delegato Fomet, Elena Masia, sustainability specialist Nexteco e direttrice Comitato Tecnico Scientifico Fabbriche della Sostenibilità, sui prodotti biologici, Jessica Paternoster, trade marketing manager Consorzio Melinda. Katia Favaretto, collaboratrice EmiliaPost, modera l’evento.

Venerdì 10 alle 18 a Le Village by CA, Giacomo Fanin, group business development manager e board member Cereal Docks, Massimo Perboni, agricultural director Mutti, e Marco Zaninelli, direttore generale industriale Riso Scotti, dialogheranno con Elena Comelli, giornalista Corriere della Sera, sulla sostenibilità che parte dalle nostre tavole.

La mattinata del sabato si apre alle 10 a Le Village by CA con un panel sul packaging sostenibile, insieme a Swan Cecatto, sustainability manager AMB, Davide Jarach, responsabile sviluppo strategico Gruppo Goglio e presidente Goglio Tianjin Packaging, Nadia Ragazzo, art director, docente di Green Packaging Design Scuola Internazionale di Grafica Venezia e Massimo Veronelli, global sales Green Economy director Sirmax Group. Sarà Teresa Secco, collaboratrice EmiliaPost, a moderare gli interventi.

Si prosegue alle 11.30 a Le Village by CA con un evento sulla filiera sostenibile del vino con Alessandro Bocchio, direttore commerciale e marketing Verallia Italia, Giampietro Povolo, Finance&Operation e CSR manager Cielo e Terra Vini, e Daniele Stangherlin, direttore commerciale Amorim Cork Italia. La collaboratrice di EmiliaPost, Katia Favaretto, presenta e conduce l’evento.

  • Sezione logistica e del viaggiare sostenibile

 Di logistica sostenibile ne parleranno Andrea Fossa, fondatore GreenRouter, e Daniele Testi, presidente SOS Logistica, venerdì 10 giugno alle 15 a Palazzo Centrale Università, con la conduzione di Dario Di Vico, giornalista Corriere della Sera.

Alle 16.30 di venerdì sempre a Palazzo Centrale Università, Mauro Bonaretti, capo dipartimento per la Mobilità sostenibile Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Paola Carrea, direttore generale Unipol tech, Luca Fortunato, account relationship leader auxiell, e Fredrik Swartling, direttore Service Sales & Operations Italscania, dialogheranno sulle sfide nate dalla necessitò di conciliare efficienza e sostenibilità nel settore della logistica. Modera gli interventi Alberto Bollis, vice direttore Bresciaoggi.

Sulla mobilità nelle città ne parleranno Bruno Bitetti, amministratore e coordinatore generale Massimo Malena & Associati, Roberto Caldini, direttore Buses & Coaches Italscania e Francesco Ramella, direttore esecutivo Bridges Research, venerdì alle 18 a Palazzo Centrale Università.

Alle 10 di sabato 11 giugno a Palazzo Centrale Università, Emilio Bellingardi, managing director @BGY Airport, Monica Scarpa, amministratore delegato Gruppo SAVE, Andrea Maria Giordano, responsabile PMO, investimenti e territorio Aeroporti Di Roma, e Marco Consalvo, amministratore delegato Trieste Airport, con Marco Panara, giornalista La Repubblica Affari & Finanza, discuteranno sugli aeroporti del futuro.

A seguire a Palazzo Centrale Università, interverranno Andrea Condotta, Public Affairs & Innovation manager Gruber Logistics, Gianluigi Mason, direttore logistica Italia Barilla, Federica Montaresi,responsabile Settore Progetti Speciali, Innovazione e Relazioni Esterne – Autorità Di Sistema Portuale Mar Ligure Orientale, Antonella Scardino, segretario generale Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale Porti di Venezia e Chioggia, e Alberto Iseppi, direttore E-Mobility, Urban and Construction Sales Italscania.

  • Sezione imprese e sostenibilità

Di Green Economy e Green Society ne parleranno Aldo Bonomi, sociologo, fondatore e direttore Consorzio AAster, Alessandro Chiesi, chief commercial officer Chiesi Farmaceutici, presidente Parma, io ci sto!, Vincenzo Colla, assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione Regione Emilia-Romagna, Gilda D’Incerti, fondatrice e amministratrice unica PQE Group, e Carlo Piana, direttore generale CA FriulAdria, venerdì 10 giugno alle ore 15 nella sala Convegni di UPI, con la moderazione di Filiberto Zovico, fondatore ItalyPost e direttore EmiliaPost

Alle 16.30 del venerdì nella Sala Convegni di UPI, in occasione della presentazione del libro L’impresa circolare di Davide Chiaroni, edito Egea, l’autore del libro con Giuseppe Castaman,presidente Medio Chiampo, Paola Migliorini, Commissione Europea, Pietro Succol, environmental manager Dal Maso Group, e Giacomo Zorzi, direzione sede Veneto UNIC-Concerie Italiane, dialogheranno sulla circolarità dei distretti. Modera Andrea Colacicco, collaboratore EmiliaPost.

Di circolarità ed automobili ne parleranno Armando Cipelli, sindaco Le Village by Crédit Agricole Parma, Vincenzo Colla, assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione Regione Emilia-Romagna, Paola Fabbri, docente di Scienza e Tecnologia dei Materiali Università di Bologna, e Roberto Pavin, chief financial officier Sirmax Group, venerdì 10 giugno alle 18 nella Sala Convegni di UPI. Conduce Marco Panara, giornalista La Repubblica Affari & Finanza.

La tematica dell’ambiente come vantaggio competitivo sarà snocciolata da Diego Carlotto, head Sales & Marketing TFL Italia, Giuseppe Castaman, presidente Viacqua, Alessandra Chighine, communication e marketing executive sustainability supervisor Officine Mario Dorin, Sarah Colpo, group brand manager Fitt, e Franco Duc, responsabile Business Unit Sostenibilità Crédit Agricole Italia, sabato alle 10 nella Sala Convegni di UPI. Nicola Saldutti, caporedattore Economia Corriere della Sera modera l’evento.

Riccardo Binotto, global Hr director Sirmax Group, Guido Chiogna, HSE & Sustainability director Metlac, Gino Gandolfi, presidente Fiere di Parma e Le Village by CA Parma, Franco Mosconi, docente di Economia industriale Università di Parma, e Alberto Brugnoli, partner e managing director Strategy Innovation, discuteranno dei green jobs, sabato 11 giugno nella Sala dei Convegni di UPI, con la conduzione di Marco Madonia, giornalista Corriere della Sera.

  • Sezione Luxury sostenibile: il lusso di essere sostenibili

Venerdì 10 giugno alle 15 al Complesso San Paolo Michele Agazzi, senior associate, corporate sales & RM Italy Elite Euronext Group, Corso Biagioni, direttore generale Lem Industries, Federica Galdeman, strategic Marketing manager Fashion & Luxury Legor Group, Maria Cristina Squarcialupi, presidente Unoaerre Industries, dialogheranno sul mondo della circolarità dei metalli preziosi, moderati da Elena Comelli, giornalista Corriere della Sera.

A seguire, sempre al Complesso San Paolo, un panel sulla sostenibilità nelle imprese tessili con Diego Bolzonello, amministratore delegato S.C.A.R.P.A., Viola Dalle Mese, direttore marketing Conceria Montebello, Marco Mantellassi, amministratore delegato Manteco, Luca Vignaga, amministratore delegato Marzotto Lab, Alfredo Zordan, co-owner e chief commercial officer Zordan, e Conduce Nicola Saldutti, caporedattore Economia Corriere della Sera.

Aprono la serata di venerdì alle 18, Francesco Bencini, direttore generale Creazioni Lorenza, Roberto Bottoli, presidente Lanificio Bottoli, Antonio Candotti, partner Fieldfisher Global, e Luca Renzi, amministratore delegato e fondatore iZ Precious, dialogando sulla moda sostenibile. Teresa Secco, collaboratrice EmiliaPost, condurrà il confronto.

Sabato 11 giugno alle 10 al Complesso San Paolo si parlerà di second hand e di moda sostenibile con Alona Andruk, fondatrice e amministratore delegato Take Off LTD, Omar Antonio Cescut, commercial, communication & marketing director BTT Impianti, Alessandro Della Valle, presidente Confindustria Cisambiente, Elena Prestigiovanni, ceo & founder Good Sustainable Mood, Francesca Romana Rinaldi, co-autrice di L’impresa moda responsabile (Egea), e Salvo Testa, co-autore di L’impresa moda responsabile (Egea). Elena Masia, sustainability specialist Nexteco, modererà l’incontro.

Appuntamento che chiude la sezione è la conferenza stampa di presentazione del libro Il lato oscuro della moda di Maxine Bedat, fondatrice New Standard Institute, sabato 11 giugno alle 11.30 al Complesso San Paolo. Dopo un’introduzione di Filiberto Zovico, editore del libro e direttore EmiliaPost, condurrà l’evento Antonio Maconi, traduttore del libro, fondatore Goodnet Territori in Rete. L’evento si terrà in lingua inglese.

  • Imprese, comunità e territori. Cinque modi di vivere l’Italia

La sezione a cura di Elena Granata verrà aperta venerdì 10 giugno alle 15 a Palazzo dell’Agricoltore da Barbara Lori, assessore alla Montagna, aree interne, programmazione territoriale, pari opportunità Regione Emilia-Romagna, Emanuele Montibeller, direttore artistico Arte Sella, e Fabio Renzi, segretario generale Fondazione Symbola. Con la moderazione di Elena Granata, docente di urbanistica Politecnico di Milano, autrice di Placemaker, edito Einaudi, si tratterà il tema del ritorno ad abitare la montagna.

Si prosegue alle 16.30 a Palazzo dell’Agricoltore con un dibattito sull’equilibrio necessario tra città, borghi e periferie. Il dialogo tra Elena Granata, docente di urbanistica Politecnico di Milano, autrice di Placemaker, edito Einaudi, e Paolo Zegna, presidente Fondazione BIellezza, Corrado Beldì, vicepresidente Laterlite, sarà moderato da Dario Di Vico, giornalista Corriere della Sera.

Con Alfonso Femia, architetto, autore de La città buona, edito Marsilio, Martina Landsberger, docente di Progettazione architettonica e urbana Auic – Politecnico di Milano, e Stefano Zenoni, assessore all’Ambiente e alla mobilità Comune di Bergamo, si parlerà delle città medie italiane a Palazzo dell’Agricoltore alle 18, con la conduzione di Maria Gaia Fusilli, collaboratrice Corriere della Sera e EmiliaPost.

Nella mattinata di sabato 11 giugno alle 10 a Palazzo dell’Agricoltore, Claudio Bertorelli, fondatore Aspro Studio, Martha Friel, docente di Management del Turismo Università IULM, e Luca Molinari, architetto e direttore scientifico M9 Museo del 900, discuteranno delle reti e dei passaggi che intercorrono tra le città. A condurre il panel, Maria Gaia Fusilli, collaboratrice Corriere della sera e EmiliaPost.

La sezione riguardo le imprese e comunità si concluderà sabato 11con l’incontro tra Matteo Agnoletto, architetto Unibo, Ezio Micelli, docente di Estimo IUAV, e Florinda Saieva, direttore generale Farm Cultural Park. I tre dialogheranno assieme a Elena Granata, docente di urbanistica Politecnico di Milano, sulla domanda all’interno delle città.

Il tour delle Fabbriche della Sostenibilità

Dal 7 al 9 giugno in otto regioni italiane, visita alle aziende d’eccellenza nel mondo della sostenibilità

La Green Week non è solo il momento del Festival, ma prevede anche un tour nelle “Fabbriche della Sostenibilità” alla scoperta di cinquanta aziende sparse in otto regioni italiane, vere e proprie eccellenze protagoniste dell’innovazione nel campo dell’ecosostenibilità. Aziende che investono, anche come leva competitiva, su tematiche quali economia circolare, riuso, gestione dei rifiuti in ottica sostenibile e abbattimento delle emissioni, risparmio energetico e nuove forme di energia,nuove tecniche costruttive e sostenibilità dei mezzi di trasporto, responsabilità sociale e ambientale d’impresa.

Le aziende partecipanti

L’azienda SNAM, principale utility del gas naturale in Europa, apre per l’occasione due dei suoi impianti: uno di questi è un impianto di compressione sito a Sergnano (CR), che consente di gestire l’interscambio e la bidirezionalità dei flussi e di supportare la politica europea di diversificazione delle fonti di approvvigionamento; l’altro è invece l’impianto di Schiavon (VI) gestito dalla controllata IES Biogas: tutto ciò che l’impianto scarta dopo un trattamento è trasformato in biogas ed energia o torna sui campi come fertilizzante, contribuendo nel contempo allo stoccaggio della CO2.

In campo agricolo saranno visitabili imprese come l’azienda vinicola Cielo e Terra, di Montorso Vicentino (VI), BCorp e prima in Italia ad aver introdotto il lean management in un’ottica di cambiamento e miglioramento, e lo stabilimento di refrigerazione del Consorzio Melinda a Tuenetto (TN). La sua realizzazione all’interno della miniera di Rio Maggiore permette un forte risparmio di risorse idriche ed energetiche, oltre ai vantaggi dovuti all’assenza di pannelli coibentanti di difficile smaltimento e alla mancata edificazione di un impattante capannone. Apriranno poi la Fomet, che aSan Pietro di Morubio (VR) produce fertilizzanti su scala industriale con metodi e sistemi di lavoro naturali, attenti al sempre maggiore declino produttivo dei terreni e la loro progressiva destrutturazione, e la celeberrima Mutti di Montechiarugolo (PR), impegnata in diverse collaborazioni in tema di sostenibilità e partner WWF. Da tempo il Gruppo premia le famiglie di agricoltori con le quali collabora con incentivi e prezzi premium price, per favorire qualità e sostenibilità. Apriranno inoltre Rosa dell’Angelo a Rivalta di Lesignano (PR), azienda dedicata al recupero e alla salvaguardia della biodiversità agricole, con particolare attenzione a specie, razze animali e coltivazioni in via di abbandono; e Aethera Biotech Cereal Docks (Camisano Vicentino, VI), azienda che produce ingredienti da materie prime agricole (come cereali e semi oleosi) per applicazioni zootecniche, alimentari, farmaceutiche, cosmetiche e tecniche.

Apre le proprie porte anche l’azienda Davines, una B Corporation multinazionale nata per il mercato professionale dell’acconciatura, poi sviluppatasi per il mercato dello skin care, che usa il business per generare un impatto positivo sulle persone e l’ambiente, con sede a Parma (PR). All’ambito del design e dell’abbigliamento appartiene l’azienda Lago, che ha costruito un nuovo hub logistico presso Villa del Conte (PD) secondo i principi della bioarchitettura ideato con l’obiettivo di mettere al primo posto il benessere del lavoratore in un contesto sostenibile e curato. La multinazionale Sofidel(Porcari, LU), leader mondiale nella produzione di carta per uso igienico e domestico. E poi la falegnameria Zordan (Valdagno, VI), in grado di accettare le varie sfide del mercato attraverso la sua cultura della bellezza funzionale e alle sue due divisioni in allestimento monomarca e interni su misura; la Conceria Montebello (Montebello Vicentino, VI); Metlac (Bosco Marengo, AL) di occupa della produzione per la protezione interna e decorazione esterna di imballaggi metallici per alimenti e bevande; Goglio (Daverio, VA), che sviluppa e realizza sistemi per l’imballaggio fornendo laminati flessibili, valvole e macchine per ogni tipo di confezionamento in vari settori industriali; Officine di Cartigliano (Cartigliano, VI), azienda che si occupa del settore del trattamento e valorizzazione dei fanghi derivanti da impianti di depurazione delle acque reflue industriali e civili e negli scarti di lavorazione. Infine, Amorim Cork (Scomigo, TV), che con il suo progetto SUBERrealizza oggetti per la casa recuperando e macinando tappi usati.

Riciclo e riutilizzo sono al centro anche delle attività di Sirmax Group (Salsomaggiore Terme, PR), primo produttore europeo non integrato di composti termoplastici di propilene e tecnopolimeri; e Revet (Pontedera, PI), che raccoglie, seleziona e prepara per il riciclo gli imballi di plastica, vetro, alluminio, acciaio e tretrapak differenziati dai cittadini toscani.

Grande impegno viene anche dal mondo della produzione industriale. Apre le proprie porte per il Tour le acciaierie di ABS – Acciaierie Bertoli Safau, erede di una tradizione di quasi 200 anni che parte da Pozzuoli del Friuli (UD), e di Feralpi Group (Brescia, BS), che offre risposte innovative e sostenibili alle filiere dell’acciaio globale grazie ad un business diversificato e verticalizzato. Ad Amaro (UD) sarà possibile visitare AMB, azienda leader nella produzione, stampa e laminazione di film rigidi e flessibili per il packaging, soprattutto nel settore alimentare, mentre a Villa Poma (MN) l’azienda Verallia mostrerà il valore e l’innovazione dietro alla produzione di packaging in vetro. A Belforte del Chienti in provincia di Macerata aprirà le sue porte Simonelli Group, un’azienda specializzata nella produzione di attrezzature professionali per il caffè. Con sede a Sandrigo (VI), FITT è un gruppo specializzato nella realizzazione di sistemi completi in materiale termoplastico per il passaggio di fluidi, per applicazioni industriali, grandi infrastrutture ed edilizia civile, e per l’ambito domestico del giardinaggio e dell’hobbistica. Al settore del riscaldamento e della refrigerazione si rivolgono le ricerche e le innovazioni tecnologiche progettate da società come IRSAP (Arquà Polesine, RO), orientata a fornire impianti ed apparecchiature adatte a risolvere qualsiasi problematica di ricambio d’aria nel residenziale e piccolo terziario, e Officine Mario Dorin (Firenze, FI), prima azienda del settore, a livello globale, ad investire nei compressori per refrigerazione con gas naturali.

Sostenibilità ambientale è anche attenta gestione dei servizi idrici. La società Viacqua (Dueville, VI) ha messo al centro del suo impegno la gestione dei servizi pubblici idrici locali (acquedotto, fognatura e depurazione) in modo efficiente per gli utenti dei ben 68 comuni della Provincia di Vicenza. Altro esempio è costituito dall’ente Medio Chiampo (Montebello Vicentino, VI) che gestisce circa 200km di rete acquedottistica e una rete fognaria paragonabile a una città di 500.000 abitanti, in grado di trattare i reflui industriali delle numerose concerie della zona. Dal Maso Group è stata selezionata come “Best Perfomer dell’Economia Circolare” da Confindustria, nel 2020, grazie al suo impianto di Arzignano (VI), unico nel suo genere, capace di recuperare il sale da scarto utilizzato per la conversazione delle pelli, che fino a qualche anno fa poneva numerose difficoltà per il recupero e il riutilizzo. Anche il gruppo Iren (Reggio Emilia, RE) parteciperà al Tour, aprendo le porte del PAI Polo Ambientale Integrato di Parma, un insieme di impianti progettati per lo smaltimento dei rifiuti urbani e speciali non pericolosi, con un termovalorizzatore cogenerativo che nasce dalle migliori tecnologie esistenti, del PAD Parco Acque depurate di Mancasale, impianto che si distingue come primo impianto di riuso delle acque in Emilia-Romagna, e di I.Blu di San Giorgio di Nogaro (UD), impianto che si occupa del recupero e riciclo degli imballaggi in plastica. Scania Italia, parte della multinazionale Scania, offre invece numerose soluzioni all’avanguardia orientate a un trasporto sostenibile, con l’obiettivo di ridurre al minimo consumi ed emissioni e contrastare l’inquinamento atmosferico. Nel vicentino, a completare il percorso Green Leather promosso da UNIC, l’Unione Nazionale Industria Conciaria, apriranno oltre alle già annunciate Conceria Montebello, Dal Maso Group e Medio Chiampo: Gemata (Trissino, VI), azienda che si occupa della produzione di macchine per la rifinizione della pelle; Sicit (Chiampo, VI), azienda che attraverso un processo di idrolisi dei residui dell’industria conciaria, realizza un prodotto ad alto valore aggiunto per l’agricoltura e l’industria del gesso; e TFL (Montebello Vicentino, VI), azienda che produce specialità chimiche per l’industria della pelle. 

Le dichiarazioni dei promotori e partner

Per Alessandra Pizzi, curatrice del Festival della Green Economy: “Questa edizione del Festival punta a rendere sempre più evidente che la sostenibilità è un tema che deve uscire dai facili slogan o essere utilizzato come strumento di marketing. La transizione ecologica è infatti un percorso tanto necessario quanto complesso che richiede la capacità di guardare al futuro del pianeta trovando soluzioni tecnologiche, di organizzazione di processi e una capacità di costruire coesione e inclusione sociale: elementi questi sempre più urgenti e complicati dalla difficile situazione geopolitica e dalla crisi energetica che sta colpendo in particolare i Paesi europei”.

Per Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola: “La Green Economy è la migliore risposta alle crisi che stiamo attraversando grazie a una transizione ecologica e digitale che è l’obiettivo dell’Europa, col New Green Deal e il Next Generation EU. Molto sta cambiando, anche se troppo lentamente, e la Green Week sarà un’occasione di confronto su questi temi. È già oggi in campo un’economia più sostenibile e a misura d’uomo che mette insieme innovazione e qualità con valori e coesione sociale; ricerca e tecnologia con design e bellezza, industria 4.0 e antichi saperi. Sono 441 mila, secondo il rapporto GreenItaly della Fondazione Symbola e di Unioncamere, le imprese che negli ultimi cinque anni hanno scommesso sulla green economy e sono 3,1 milioni i green jobs. Sono quelle che innovano di più, esportano di più, producono più posti di lavoro. La green economy italiana è la frontiera più avanzata per cogliere queste opportunità. È un’Italia che fa l’Italia, che non perde la propria anima ed è insieme innovativa e in grado di affrontare le sfide del futuro, senza lasciare indietro nessuno, senza lasciare solo nessuno, come è scritto nel Manifesto di Assisi”

Per Crédit Agricole Italia, main partener: “Siamo orgogliosi di essere di nuovo partner della Green Week, un momento di riflessione per noi particolarmente significativo in quanto interamente dedicato alla sostenibilità. Questo appuntamento pone l’accento su tematiche e valori che riteniamo centrali nell’ottica di creare valore non solo sul piano economico, ma anche per i nostri collaboratori, per i clienti e per tutta la società. Un’opportunità per interrogarci su cosa facciamo oggi e cosa possiamo fare in più domani per il territorio e la comunità, in coerenza con la ragion d’essere del nostro Gruppo ‘Agire ogni giorno nell’interesse dei nostri clienti e della società’.

Credits

Il Festival della Green Economy è promosso da ItalyPost, Fondazione Symbola e il Corriere della Sera, Buon Notizie, L’Economia, Pianeta 2030

Con, Università di Parma, Unione Parmense degli Industriali e Parma io ci sto!   

Con il patrocinio di Comune di Parma, Regione Emilia-Romagna e Ministero della Cultura

In collaborazione con Commissione Europea

Main partner Crédit Agricole Italia, Davines, Lago

Supporter Areatecnica, Auxiell, Unic, Viacqua

Partner Iren, Italscania

Content partner: Egea

Media partner: Gazzetta di Parma

Partner tecnico: Lattebusche, Manteco, Loison, Astoria

Partner sezione luxury: BTT Impianti, Lem Industries, Creazioni Lorenza, Legor,Confindustria Cisambiente

In collaborazione con ITS, Cisita, Mugo

PER INFORMAZIONI

Festival della Green Economy- Ufficio stampa

[email protected]

+39 049 7302904
M. +39 328 2755488